Arte Medica | Prevenzione
20497
page-template-default,page,page-id-20497,ajax_leftright,page_not_loaded,,content_with_no_min_height,select-theme-ver-2.2.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.3.4,vc_responsive
 

Prevenzione

Esami obiettivi

 

Misurazione di altezza, peso e pressione arteriosa. Valutazione di pelle, seno, tiroide, cuore, addome, pelvi. Anche l’esplorazione rettale dovrebbe rientrare in questa valutazione generale.

Esami di laboratorio

 

Pap test
Per la ricerca di eventuali neoplasie (tumori) del collo dell’utero.

 

Dosaggio del colesterolo totale e del colesterolo HDL
Se si presentano valori anormali (colesterolo totale troppo alto o HDL troppo basso, è necessario procedere al dosaggio a digiuno dei lipidi ematici, compresi i trigliceridi.

 

Dosaggio dell’FSH e dell’estradiolo
Anche se non è sempre necessario per diagnosticare la menopausa, può essere utile, soprattutto per le donne sane che hanno continuato ad assumere anticoncezionali ormonali anche dopo la menopausa. Livelli di FSH superiori a 100 UI/l con valori di estradiolo inferiori a 20-40 pg/ml confermano l’assenza di funzionalità ovarica.

 

Dosaggio del TSH (ormone stimolante della tiroide)
Infatti nelle donne sane la premenopausa può essere scambiata per ipotiroidismo, disturbo la cui frequenza aumenta con l’età. Il test può essere utile per stabilire se le donne trattate con tiroxina per questo disturbo non rischino di passare all’ipertiroidismo, con possibile aggravamento del rischio di osteoporosi.

Esami radiologici

 

Mammografia
Dopo i 50 anni è necessario procedere a una mammografia per la ricerca di eventuali tumori della mammella, da ripetere annualmente. Tra i 40 e i 50 anni l’esecuzione del test è a discrezione della donna e del medico curante, vista l’incertezza di questo test nelle pazienti in cui i tessuti della mammella sono ancora densi. Nelle donne sottoposte a terapia ormonale sostitutiva il test periodico andrebbe effettuato indipendentemente dall’età.

 

Mineralometria ossea
Nella donna in menopausa che presenti famigliarità o altri fattori di rischio per l’osteoporosi è necessario procedere a una valutazione del tessuto osseo mediante la mineralometria. Secondo alcuni, peraltro, l’esecuzione di questo test al momento della menopausa andrebbe considerato di routine.